Venerdì 24 Marzo 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Dimensione caratteri standard Dimensione caratteri A++   
Torna alla Home Page
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico
Sei qui : Dalle origini al Quattrocento

Dalle origini al Quattrocento

La prima notizia riguardante Villanova, allora chiamata di Moretta, risale al 1099, allorché Agnese, figlia del marchese Pietro di Savoia, rimasta vedova otto anni prima del conte Federico di Monthéliard, donò metà di questo luogo all’abbazia di S. Benigno di Fruttuaria. L’altra metà apparteneva a Bonifacio del Vasto, capostipite dei marchesi di Saluzzo, ereditata alla sua morte dal figlio Manfredo I e successivamente dai suoi discendenti. Nel mese di luglio del 1253, Oberto, abate di S. Benigno di Fruttuaria, con il consenso dei suoi monaci, vendette ai Solaro, per 500 lire segusine, la parte di Villanova di sua proprietà e sei anni dopo giurò fedeltà al marchese Tomaso I di Saluzzo. Costui, verso la fine del 1279, conferì ai fratelli Filippone e Corradino, orfani di Nicolò di Venasca, i beni che possedeva in valle Varaita ed a Villanova, tra cui il castello qui eretto.

 

A risollevare le sorti del potere sabaudo, in declino fin dalla morte della marchesa Adelaide, avvenuta nel dicembre del 1091, fu, verso la fine del secolo XIII, Filippo di Savoia, in seguito chiamato principe di Acaja, al quale lo zio Amedeo V di Savoia aveva ceduto una parte del territorio piemontese. Col proposito di sottomettere l’intera regione al dominio sabaudo, egli combatté con ardimento fino alla morte, alleandosi di volta in volta, e secondo la convenienza, coi marchesi di Saluzzo, di Monferrato e con gli Angioini. Nel 1295 i signori di Luserna gli fecero omaggio dei loro feudi e, nello stesso anno, egli acquistò dai signori di Moretta questo luogo e quello di Villanova, i cui castellani erano tenuti a far riparare a proprie spese i ponti levatoi ed i tetti dei rispettivi castelli.

 

Il 27 marzo del 1327, terminate dopo tre anni le trattative con Filippo di Acaja, l’abbazia di S. Benigno di Fruttuaria concesse a Villanova le terre che possedeva a Moretta ed al castellano locale assegnò il compito di ripartirle fra coloro che sarebbero venuti ad abitarci. Inoltre, elevò a parrocchia la chiesa di S. Lorenzo ed autorizzò la costruzione di una casa per l’abate. Allo scopo di mettere Villanova al riparo dalle guerre, che a quel tempo perturbavano il Piemonte, Filippo ordinò la ricostruzione del castello, fece erigere altre fortificazioni e scavare un fossato, realizzato col contributo delle città di Torino e Pinerolo. Favorì l’aumento degli abitanti abolendo il pagamento del pedaggio sul ponte del Po, presso Villafranca, rendendo libero il traffico coi paesi vicini e facendo costruire delle nuove abitazioni. Esonerò gli abitanti dall’obbligo di costituire e mantenere un esercito, salvo scendere in armi per difendere la loro terra dalle invasioni dei nemici, e gli concesse la facoltà di erigersi in Comune e di redigere i propri Statuti. Infine, stabilì che erano tenuti a pagare l’affitto dei terreni col frumento prodotto coltivandoli e potevano dedicarsi, senza pagare nessuna gabella, alla caccia di caprioli, cervi, orsi e cinghiali, che frequentavano le campagne di Villanova, ed alla pesca di trote, lucci, tinche, temoli ed anguille, che pullulavano nei torrenti, ruscelli e fossati.

© 2013 Comune di VILLANOVA SOLARO - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune.   W3C Validator   Area riservata   Statistiche di accesso al sito   Il sito fa parte della Rete di Città in Comune   Web developer: Leonardo Web S.r.l.
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento