Domenica 23 Aprile 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Dimensione caratteri standard Dimensione caratteri A++   
Torna alla Home Page
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico
Sei qui : I Solaro di Villanova

I Solaro di Villanova

La famiglia dei Solaro, della quale si hanno notizie fin dal 1170, era divisa in vari rami: i Solaro di Govone, Chieri, Mondovì, Favria, Moretta, Villanova Solaro, Monasterolo, Borgo San Dalmazzo, della Chiusa, Macello, Margarita, e Stupinigi, oggi tutti estinti tranne il ramo dei Solaro di Monasterolo. Ad Asti la famiglia dei Solaro di Govone, una delle famiglie più ricche e potenti della città, possedeva case, torri e palazzi, era riverita ed amata dal popolo per la sua magnificenza e liberalità e manteneva in armi trecento uomini a difesa dei suoi numerosi possedimenti.

 

Nel 1261, un membro della famiglia De Castello ferì gravemente Bonifacio Solaro, ma non al punto di provocarne la morte, dando tuttavia origine alla lotta tra le due famiglie, in quanto i Solaro parteggiavano per i guelfi, sostenitori dell'egemonia politica del papato; i De Castello, invece, schierati dalla parte dei ghibellini, erano fautori dell'egemonia politica dell'impero. Nel 1303 i Solaro, costretti da Giovanni di Monferrato e Manfredo IV ad allontanarsi da Asti, si stabilirono ad Alba, Chieri ed in altri territori di loro proprietà e, ritornati in patria un anno dopo, si vendicarono dei De Castello, ritenuti colpevoli dell'affronto subito da essi, mandandoli in esilio.

 

Alla famiglia dei Solaro appartennero uomini d'arme, politici, vescovi, cavalieri dell'Ordine Supremo della SS. Annunziata, cavalieri dell'Ordine di Malta e persino dei Santi. Nel 1394 Bartolomeo Solaro, nipote di Stefano detto il Borgognone, considerato il capostipite del ramo Solaro di Villanova, acquistò da Amedeo VIII di Savoia il castello di Caraglio per 6.000 fiorini d'oro. Alla sua morte, avvenuta nel 1439, fu seppellito nella chiesa parrocchiale di Villanova, dove la sua bellissima pietra tombale, collocata in posizione orizzontale a livello del pavimento, oggi è un po' consunta dal calpestio dei fedeli.

 

Nei primi anni del Cinquecento, l'abate Giovanni Bartolomeo Solaro fece costruire la splendida canonica, un gioiello dell'architettura in cotto dell'epoca, arricchì l'apparato ornamentale della Parrocchia e rese più leggiadro il castello apportando ai locali interni degli abbellimenti di gusto rinascimentale. Il 24 maggio del 1536, con i signori di Moretta, Torre S. Giorgio, Villanova Solaro e Casalgrasso, egli porse omaggio al marchese di Saluzzo, investito di tutte le terre conquistate dall'esercito di Francesco I, il quale lo ricompensò così per aver combattuto al suo fianco dopo che aveva invaso il Piemonte.

© 2013 Comune di VILLANOVA SOLARO - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune.   W3C Validator   Area riservata   Statistiche di accesso al sito   Il sito fa parte della Rete di Città in Comune   Web developer: Leonardo Web S.r.l.
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento