Martedì 25 Luglio 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Dimensione caratteri standard Dimensione caratteri A++   
Torna alla Home Page
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico
Sei qui : La beneficenza ai poveri

La beneficenza ai poveri

Nel suo testamento del 17 marzo 1899, il cav. Cesare Vitale aveva disposto, tra le altre cose, che in occasione degli anniversari della morte del proprio padre, della madre, del fratello, della sorella, nonché del conte Paolo Emilio Solaro di Villanova Solaro, nella chiesa parrocchiale di questo luogo venisse celebrata una solenne Messa funebre. Inoltre, aveva stabilito che, in concomitanza di ciascuna di queste ricorrenze, l'amministrazione dell'Ospedale S. Vincenzo Ferreri distribuisse ai poveri una determinata quantità di granoturco e, a tal fine, destinò la somma di lire 25.000, il cui investimento finanziario fruttava una rendita annua equivalente a circa il 5 per cento del capitale.

 

Nel 1917 - essendo in corso la guerra tra l'Italia e l'Impero austro ungarico - l'autorità governativa ordinò la requisizione di questo cereale, al posto del quale vennero distribuite ai poveri delle razioni di pane.

 

L'erogazione della meliga fu ripresa a conclusione del conflitto - avvenuta il 4 novembre del 1918 - quando vennero meno i vincoli da esso imposti al libero commercio dei cereali e delle farine. Al 31 dicembre del 1927 - trascorsi vent'anni dall'avvio delle disposizioni testamentarie del cav. Cesare Vitali, deceduto a Quarto al Mare il 14 marzo 1906 - le spese a beneficio dei poveri di Villanova ammontavano a lire 25.901,28.

 

Per iniziativa del commendatore, ingegner Melchior Pulciano, nel 1908 l'amministrazione dell'Ospedale S. Vincenzo Ferreri, di cui egli faceva parte, iniziò la distribuzione delle minestre ai poveri, effettuata dalle suore che vi prestavano la loro opera di carità. Il servizio, fornito gratuitamente, era sostenuto finanziariamente dalle offerte in denaro o in natura devolute da privati cittadini e, dopo la morte del benemerito commendatore Pulciano, avvenuta il 20 aprile 1923, fruì del suo lascito testamentario di lire 26.000.

 

Nel 1928 l'amministrazione del Pio Ente deliberò l'istituzione di letti per i poveri ed, a seconda se essi ne usufruivano tutto l'anno o solo nella stagione invernale, i donatori dovevano versare rispettivamente 30.000 o 10.000 lire. Competeva ai donatori, loro eredi o successori, il diritto di assegnare i letti ai postulanti, ai quali era concesso di occuparli solamente se erano in possesso dei requisiti prescritti dallo Statuto e dalle norme di accettazione dell'Ospedale. Le offerte non destinate alla fondazione di letti venivano impiegate nel miglioramento dell'istituzione.

© 2013 Comune di VILLANOVA SOLARO - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune.   W3C Validator   Area riservata   Statistiche di accesso al sito   Il sito fa parte della Rete di Città in Comune   Web developer: Leonardo Web S.r.l.
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento