Martedì 25 Luglio 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Dimensione caratteri standard Dimensione caratteri A++   
Torna alla Home Page
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico
Sei qui : Silvio Pellico

Silvio Pellico

Silvio PellicoArrestato a Milano dalla polizia austriaca il 13 ottobre 1820, sotto l’accusa di essere affiliato alla Massoneria - un’associazione che si ispirava a ideali umanitari e progressisti, apparsa in Italia nel 1730 - Pellico venne condotto al carcere di Santa Margherita. Da qui fu trasferito nelle prigioni veneziane dei Piombi, di San Michele ed infine alla rocca dello Spielberg, in Moravia, per espiare in quel lugubre ergastolo della monarchia austriaca una pena di vent’anni, di cui ne scontò soltanto dieci, grazie alla magnanimità del governo austriaco, e nel giugno del 1830 tornò dalla sua famiglia a Torino. All’abate Giordano, curato della sua parrocchia, raccontò le sofferenze della prigionia, e lui gli consigliò di scriverne la narrazione e di pubblicarla, quale alta testimonianza dell’immensa carità del Signore verso gli infelici che ricorrono alla sua grazia.

 

Temendo di inasprire col suo racconto le passioni politiche, che allora divampavano in Italia ed in tutta Europa, e quindi di farsi dei nemici e non trovare quel riposo fisico e spirituale cui anelava da quando aveva riacquistato la libertà, prima di dare una risposta a quel venerando ottuagenario, Pellico parlò del progetto a sua madre. Una donna non istruita, ma dotata di un intelletto infaticabile, molto devota e di animo caritatevole, la quale gli disse di pregare Dio affinché lo illuminasse; e pochi giorni dopo, Silvio le annunziò l’intenzione di scrivere il libro, ritenendo che potesse ben disporre i giovani a rispettare la religione ed a studiarla.

 

Nel frattempo aveva ricevuto dalla contessa Eufrasia Solaro una lettera con la quale lo invitava a trascorrere una vacanza nel suo castello di Villanova Solaro ed accettò volentieri la proposta, perché proprio in quei giorni stava cercando un luogo tranquillo dove, oltre riposare il corpo e lo spirito, cominciare la stesura delle Mie Prigioni. Dopo aver scritto i primi capitoli, li lesse alla contessa e, all’insaputa di lei, ad un vec chio del luogo cui era molto affezionato, il quale gli fece presente che la società pullulava di germi di malevolenza, e lo supplicò di tenersene lontano rimandando di dieci o quindici anni la composizione dell’opera.

 

Tornato a Torino, Pellico riferì il consiglio del vecchio a due altre persone e queste lo scoraggiarono ancor di più, dicendogli di condividerlo. Forse avrebbe rinunciato per sempre a questo progetto, se il conte Cesare Balbo e sua moglie non l’avessero convinto a portarlo in porto, tanto più che anche sua madre era contraria a rinviarne l’esecuzione di dieci o quindici anni.

© 2013 Comune di VILLANOVA SOLARO - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune.   W3C Validator   Area riservata   Statistiche di accesso al sito   Il sito fa parte della Rete di Città in Comune   Web developer: Leonardo Web S.r.l.
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento